ENNA – E’ durato tre ore, davanti al Gip di Enna, Maria Luisa Bruno, l’interrogatorio di garanzia di Giuseppe Rugolo, il sacerdote agli arresti domiciliari dallo scorso 27 aprile, a Ferrara, per violenza sessuale aggravata. Il prete, che era accompagnato da uno dei suoi due legali, l’avvocato Antonino Lizio, del foro di Catania, ha risposto alle domande del Gip, fornendo la …
Continua a leggere …

Fonte: Live Sicilia
#BlogSicily #NotizieSicilia

Scrivi un commento