Ci sono molti modi di guardare al distacco di qualcuno che se ne va. Se lo fai con gli occhi della memoria, c’è una qualità della sofferenza specifica. Essere stati bambini nelle vicinanze. Avere frequentato gli stessi luoghi, popolati da tubi di scappamento, palloni che si incastravano, cancelli verdi adibiti a porte, richiami dai balconi e sguardi furtivi da quegli stessi balconi, senza …
Continua a leggere …

Fonte: Live Sicilia
#BlogSicily #NotizieSicilia

Scrivi un commento