TRAPANI – Vendevano false pietre preziose, stimate e valutate da un connivente presunto gemmologo, facendosi consegnare dalle ignare vittime somme comprese tra i 140 e i 3.000 euro. Era la tecnica adoperata da una banda scoperta da indagini carabinieri di Trapani che hanno notificato un avviso di conclusione indagine emesso dalla locale Procura nei confronti di 13 palermitani, di età compre …
Continua a leggere …

Fonte: Live Sicilia
#BlogSicily #NotizieSicilia

Scrivi un commento